Creare un Cerchio

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente hai iniziato da poco a praticare Magia e avrai già letto – forse in maniera insoddisfacente- alcuni libri.

Dunque, andiamo con ordine.

Prima di tutto, cos’è un cerchio?

Un cerchio è uno spazio energetico creato appositamente per lavorare con propositi magici -siano questi la celebrazione di una festa, un incantesimo, o una singola preghiera.

È la premessa essenziale di qualsiasi incantesimo e, più in generale, di qualunque pratica magica e cerimoniale.
Il perché è molto semplice. Il cerchio permette al celebrante di isolarsi e immergersi nella propria energia, formando una “bolla” che lo protegge dalle forme pensiero esterne e allo stesso tempo gli conceda di lavorare indisturbato. E soprattutto, permette di concentrare e amplificare l’energia con cui si sta andando a lavorare. Passami la similitudine culinaria, è un po’ come mettere il coperchio sulla pentola piena d’acqua per farla bollire più velocemente.

Creare un cerchio non è complicato, mantenerlo (indipendentemente dalle distrazioni che potrebbero presentarsi mentre operi) sì. In entrambi i casi, dovrai allenare i tuoi sensi e la tua immaginazione, mettendo per un poco a tacere la mente razionale.

Questo è un esercizio molto semplice per allenarti a sentire la tua energia.

Spegni il cellulare, allontana delicatamente eventuali rompiballe esterni e mettiti a sedere in una posizione comoda. La cosa migliore, almeno le prime volte, è farlo quando si è rilassati, quindi cerca di scegliere un momento in cui il vicino non sta ascoltando musica tecno a tutto volume – a meno che per te non sia rilassante!
Man mano che pratichi, imparerai semplicemente a ignorare gli stimoli esterni.

Poni le mani palmo contro palmo, come se fossero giunte, a un’altezza a metà tra le gambe e il tuo petto. Trova una posizione comoda.
Adesso cerca di guardare in basso a circa un metro da te.
Concentrati sul tuo respiro.
Man mano che ti rilassi, sentirai i tuoi occhi che faticano a mettere a fuoco: lasciali fare, va bene così.

Lentamente, inizia a distanziare le mani, in modo che tra un palmo e l’altro ci siano circa due centimetri di distanza.
Inizia a ruotare le mani in direzione opposta, facendo dei piccolissimi cerchi, ma sempre mantenendo i palmi uno di fronte all’altro.
Man mano che le mani ruotano inizierai a sentire un certo valore sprigionare dallo spazio in mezzo da esse.
Concentrati su questa sensazione di calore, che sembra aumentare via via che le mani ruotano.
Lentamente, distanzia i palmi ancora un po’, sempre continuando con il movimento.

Continua ad allargare le mani fino a sentire una bolla di calore che si forma tra di esse. Più ruoti le mani, più questa preme contro i tuoi palmi per espandersi, come un palloncino pieno d’aria. Asseconda questa sensazione,

Prova a giocare con la tua bolla: cerca di capire quanto si può estendere senza che tu perda la sensazione tra le mani, che forme può prendere. Se ci riesci, cerca di percepirne il colore (se non riesci non fa nulla: l’importante è la sensazione tattile).

Potrebbero volerci alcune sessioni di allenamento per far sì che la tua bolla diventi così grande che le tue braccia, per quanto tu possa allargarle, non potranno contenerla.
Quando succederà, sarà il momento di passare al passo successivo: lascia che si ingrandisca così tanto da inglobarti completamente in essa.
Con il tempo, riuscirai ad espandere il cerchio a tuo piacimento, facendo sì che copra non solo te stessa, ma il tuo altare, altre persone o qualunque cosa ti serva per celebrare.

L’importante è NON ENTRARE IN COMPETIZIONE CON TE STESSA.
Non serve a nulla CREDERE di aver creato un cerchio grandissimo, se poi non lo senti. Anzi, risulterebbe dannoso per te e per il tuo proposito.
Quindi non raccontarti palle, prenditi del tempo per esercitarti , e divertiti a scoprire piuttosto che a raggiungere l’obiettivo.
Senti il Cerchio, il suo colore, la sua sostanza.

Stai ascoltando la tua energia.

 

Se vuoi portare assieme a me un po’ di Magia nel mondo, condivido questo articolo.
Grazie di Cuore.

Leggi anche: Samhain e il raccolto marcito

I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: